Informazioni generali


Composizione delle batterie


Tutti i dispositivi che permettono d'immagazzinare energia e restituirla vengono definiti con il termine accumulatore. Le batterie per computer portatili sono in realtà delle batterie di accumulatori. Sono composte da due elettrodi (un anodo e un catodo) immersi in una soluzione conduttrice, salina o acida (l'elettrolita). L'energia viene immagazzinata a partire da una reazione chimica (fase di carica), poi rilasciata sotto forma di corrente elettrica per alimentare il computer (fase di scarica).


Le tre famiglie di batterie


Oggi si differenziano tre grandi famiglie di batterie :


Le batterie al nichel-cadmio (Ni-Cd): Sono fabbricate a partire da acciaio, nichel, cadmio, potassio (elettrolita), e contengono del cobalto in proporzioni infime. Sono state le prime batterie portatili del mercato. Sono molto resistenti, poco costose, ma sensibili all'effetto memoria (vedi Sintomi e cause del guasto).


Le batterie al nichel-metallo idruro (Ni-MH) : I materiali sono gli stessi di quelli della famiglia precedente, ad eccezione di un composto idruro (nichel, cobalto e lega AB5) che sostituisce il cadmio. Questo tipo di batteria è molto sensibile al surriscaldamento, ma presenta un eccellente rapporto peso/potenza.


Le batterie litio-ione (Li-Ion) e litio-polimero (LiPo) :Litio, rame, cobalto, acciaio o alluminio costituiscono i materiali di queste batterie. Si ricaricano velocemente, non sono sensibili all'effetto memoria, ma non sono di lunga durata. Sono le meno inquinanti. Anche se è stata constata una sensibilità del litio al surriscaldamento, la tecnologia si è evoluta velocemente e dei nuovi materiali sono oggi utilizzati in complemento, cosa che attenua il fenomeno.


Capacità di una batteria


Si parla di capacità di una batteria per indicare la carica elettrica (quantità di energia immagazzinata che si esprime in milliamperora, mAh) che la batteria può rilasciare durante un ciclo completo di scarica, una volta caricata al massimo. Questa capacità diminuisce con il tempo a causa dell'usura naturale dei componenti.


Vita utile di una batteria


La longevità di una batteria dipende da vari parametri che implicano la qualità del vostro materiale e le condizioni nelle quali viene utilizzato. La vita utile di una batteria è stimata 18 a 36 mesi a partire dalla sua fabbricazione. La data di fabbricazione della batteria gioca quindi un ruolo essenziale.


La vita utile di una batteria è anche espressa in numeri di cicli di carica/scarica, che si situano tra 1.500 e 2.000 per gli accumulatori Ni-Cd, tra 800 e 1.000 per quelli Ni-MH, tra 500 e 1.000 per quelli Li-Ion e tra 200 e 300 per quelli LiPo. Un ciclo corrisponde a una ricarica e una scarica complete. Se ricaricate la vostra batteria quando è scarica solo a metà, il ciclo completo non sarà raggiunto. Invece lo sarà se ripetete due volte l'operazione.


L'indicatore della batteria


Qualunque sia il sistema operativo del vostro computer portatile, Windows o Mac OS, degli indicatori di carica della batteria sono disponibili tra le preferenze del vostro sistema e si trovano tra le icone predefinite visualizzate sul desktop. Questa applicazione indica la percentuale di carica, oltre al tempo di autonomia restante della vostra batteria quando lavorate senza alimentazione di rete (vedi foto 1 e 2).


Foto 1 e 2: indicatore della batteria su Windows




Indietro